domenica 2 maggio 2010

La storia di Quasi


la piccola Quasi in tutto il suo *ahem* splendore

Aggiornamento: di come scopriamo (con nostra grande felicità) che Quasi non è vissuta in una gabbia...  c'è chi dice "siete stati scoperti!", noi siamo invece felici di scoprire che almeno PARTE dei maltrattamenti che sapevamo che Quasi aveva subìto non era vera... <3


Cari Amici e affezionati lettori del blog di Mongo,
a grande richiesta ho deciso di pubblicare un articolo su Quasi. So che esula dal nostro argomento "principe" di conversazione che è il piccolo alieno macrocefalo, ma ci è sembrato doveroso presentare a tutti la storia di questa componente della nostra freak family, visto che il ricavato delle spille che tanti di voi stanno acquistando andrà per regalare a Quasi un nuovo ginocchio che le permetterà di camminare leggermente meglio di ora.

Intanto, intendiamoci: Quasi E' UN CANE. NON è un maiale, NON è un cinghiale, nè una iena, un diavolo della tazmania, un cammello, una cavalletta, un topo o altro. E' UN CANE. cominciano a darmi sui nervi i commenti "sembra proprio un...", visto che i bambini piccoli quando la vedono dicono immediatamente "bello cane" (mostrando di saperne molto più della maggior parte degli adulti, a quanto pare). Lo so che magari si cerca di essere simpatici, ma credetemi, appena conoscerete la storia di questa creatura vi renderete conto che queste battute non sono per niente simpatiche.

Quasi è vissuta in una gabbietta per le galline (alta e corta), ed è quindi deforme proprio per questo. Il risultato è che ha una scoliosi gravissima (con DUE gobbe), il bacino storto, le zampe davanti più corte di quelle dietro, e quella posteriore destra più corta della sinistra. Le sue vertebre cervicali non si sono sviluppate, e quindi non può muovere il collo in nessuna direzione.
Le è stata perfino tagliata la coda, tanto perchè il resto non bastava.

E' stata successivamente abbandonata (e direi MENOMALE) e messa in strada, dove si era insediata in un paesino della campania, e dove qualche volontaria le dava da mangiare (il suo nome era Angelica), nonostante fosse oggetto di ogni tipo di maltrattamenti dalla gente del posto.
Un giorno una grande STRONZA disse che l'aspetto della povera creatura le faceva senso, e urlando "mostro, mostro!" chiamò qualche altro PEZZO DI MERDA che caricò Angelica in macchina e la scaricò lontano da quell'unico posto che conosceva. Il risultato è che le volontarie la cercarono per più di un mese, finchè una signora, vedendo i cartelli in strada, chiamò una di loro dicendo che c'era un cinghiale che piangeva come un cane ed usciva solo di notte e piangeva, piangeva... le volontarie corsero a prendere Angelica, e ritrovarono uno scheletrino in fin di vita: non è di certo un cane in grado di procurarsi il cibo da sola.
La portarono in un rifugio (un posto molto bello) dove una meravigliosa donna, Adele, si è occupata di lei e degli altri 60 cani che vivevano con lei. Mena, un'altra volontaria, si è occupata di pubblicare le sue foto su Facebook, eccola qui come l'abbiamo vista nell'annuncio:


Abbiamo visto questa creatura e ce la siamo andati a prendere, anzi, ce l'hanno portata a metà strada, ecco il momento della "consegna":


Il nome Angelica non ci piaceva affatto, così l'abbiamo cambiato. Prima di incontrarla, la volevamo chiamare Pisa, pensando che era un pò storta come la torre, e poi perchè è una città che la sua mamma ha tanto amato, ma quando l'abbiamo conosciuta ci siamo detti che non era storta, era solo gobba, così l'abbiamo chiamata Quasi come Quasimodo, il gobbo di Notre Dame.
Come nome le sta anche bene, visti i commenti della gente: sembra QUASI un...

Ora Quasi vive in pensione accanto a casa della mamma (in attesa che sia pronta la casa nuova della mamma e del papà), che la va a prendere due volte al giorno per portarla in giro, esce altre due volte con il personale della clinica, ed ha una stanza intera tutta sua con cuccia, giochini, eccetera. Quasi è nella pensione della clinica dove la mamma porta Mongo e Mela, e dove tutti la adorano e la conoscono. Qualche cliente "abituale" quando sa che deve aspettare, si fa portare Quasi e la porta a fare una passeggiata. Il mercoledì ed il week end ce la portiamo in giro con noi per prati, e lei è felicissima (anche se poi vuole tornare in clinica, perchè al momento la sua casa è quella).

Quasi felice gioca con un bastoncino tra le margherite

che differenza con l'espressione terrorizzata del primo giorno...


Se vi è venuto da piangere, vi capiamo: quando abbiamo letto la sua storia è quello che abbiamo fatto anche noi. Non la voleva nessuno, così, come è nostro solito, l'abbiamo accolta nella nostra famiglia di "mostriciattoli", perchè tutti hanno bisogno d'amore e tutti possono dare qualcosa.
La nostra è una famiglia speciale, ma non per la presenza di Mongo e di Quasi (che comunque sicuramente danno al nostro nucleo familiare un tocco di "quel non so che" di assurdo che ci piace), ma perchè noi ci vogliamo tutti bene, così come siamo. Siamo convinti che Mongo e Quasi siano così belli dentro, che basti conoscerli per accorgersi che sono bellissimi anche fuori.

Quasi è un essere meraviglioso: ha mantenuto un carattere docile e fiducioso nonostante tutto quello che le hanno fatto. va d'accordo con tutti, cani e persone, ma ha paura degli uomini con i capelli bianchi vestiti di beige (non vogliamo immaginarcene il motivo, ma crediamo di saperlo purtroppo), ai quali ringhia.
Va pazza per i lacci delle scarpe, che morde in continuazione mentre camminiamo. E' un cane GRATO alla vita, felice per qualsiasi cosa, gioca con un filo d'erba, una foglia, un bastoncino, un pezzo di carta. Sembra incredibile ma fa tutto quello che deve fare, cammina, sale e scende le scale, si china per annusare, corre perfino. Fa tutto a modo suo, ma lo fa. è un altro piccolo miracolo della natura: proprio come Mongo. Siamo sicuri che anche voi la amerete, così come noi l'abbiamo amata ancor prima di conoscerla.

33 commenti:

  1. Quasi, tu sei un cagnetto magnifico e meriti tutto l'amore del mondo! Proprio come Mongo e Mela. Siete dei tesorini.

    RispondiElimina
  2. Troppo bella......sono contento che l'abbiate trovata e che ora sta bene. Un bacio

    RispondiElimina
  3. io credo che Quasi sia una cagnetta fortunata perchè ha trovato una famiglia meravigliosa e leggendo la sua storia sono sicura che quasi è una cagnetta bellissima dentro e che il tempo l'ha ripagata di tutto il male che una o piu persone cattive le hanno fatto, le auguro una vita lunga , felice e straripante di coccole e di tutto l'amore del mondo

    RispondiElimina
  4. chiudere un cane in una GABBIA PER GALLINE!cosa gli farei io a queste BRAVE PERSONE!!!
    è un miracolo che Quasi si fidi ancora degli umani!!!meno male che ha incontrato voi...un abbraccio a tutti ^^

    RispondiElimina
  5. Non è solo bella dentro, è bella anche fuori, ha un muso dolcissimo e nella foto in cui morde il ramo ha l'espressione propria di tutti i cani: sei mioooo!!! Crunch crunch :D
    Buona fortuna Quasi! Anche se in effetti con i tuoi nuovi padroni l'hai già trovata :)

    RispondiElimina
  6. nessun cane e' brutto,,,,,,,,,nessun animale e' un mostro,,,,i bambini non vedono mostri,,,ma solo musetti strani...se incominciassimo a vedere con gli occhi dell'infanzia.......vorrei stringere Quasi e voi persone meravigliose che la fate sentire giustamente AMATA

    RispondiElimina
  7. Conoscevo la storia di Quasi quando uscì l'appello su FB (ed era ancora Angelica)... leggere ciò che è scritto qui sopra mi ha fatto piangere di gioia per lei... finalmente una vita degna di tale nome... Grazie, infinitamente grazie.

    RispondiElimina
  8. Non sapevo che Quasi fosse cresciuta così a causa di qualche maledettissimo pezzo di merda che l'ha rinchiusa in una gabbia per galline (che già alle povere galline va strettissima, figuriamoci)... Non ho parole per esprimervi la mia gratitudine per esservi presi cura di questa delizia di cane, siete semplicemente fantastici, vi voglio bene anche se non vi conosco e spero che il mondo sia pieno di persone come voi che contrastino il male con la loro bontà... Un abbraccio a tutti quanti, umani e pelosi!

    RispondiElimina
  9. Amore..dolcissima creatura! Grazie amici x tutto quello che fate!

    RispondiElimina
  10. Mi si è stretto il cuore!!! Povero piccolo amore, quanta solitudine e sofferenza! Grazie davvero a chi l'ha accolto e l'ama!

    RispondiElimina
  11. Le mie lacrime inziate per la tristezza della storia di Quasi sono diventate di gioia per il suo lieto fine e per l'immensa bontà di tutti coloro che l'hanno aiutata! Grazie dal profondo del cuore!

    RispondiElimina
  12. Che dire..? Sono contenta, ecco. La bellezza è talmente ambigua. C'è chi vuole imbrigliarla in canoni..ma come imbrigliare qualcosa che ha un significato diverso per ciascuno di noi??
    La mia gatta L'Una, a cui manca una zampina anteriore a mio avviso è di una bellezza sbalorditiva. Ma quel che è strano è che quando vedo per strada o a casa di qualche conoscente un micio che le assomiglia, resto basita per qualche momento a fissarlo, domandandomi COSA MAI CI SIA che non va... e poi ci arrivo: non c'è nulla che non va! Soltanto QUEL micio ha 4 zampe.
    Ed ecco il miracolo (che miracolo non è affatto se non ci rifilassero ogni giorno modelli di bellezza "assoluta" in tv): improvvisamente per me è più "strano" un micio con 4 zampe che non la mia L'Una che ne ha tre!
    "Strano" a volte fa un po paura, a volte lascia un attimo allibiti: ok, è normale. Ci vuole tempo per conoscere le cose, soprattutto quando sono nuove..e vi do ragione: in questo i bambini sono avanti di secoli rispetto a noi capoccioni adulti!
    Quindi, quando si conosce.."strano" non esiste più..
    Grazie a voi, grazie a Quasi che se anche fosse un cinghiale sarebbe adorabile lo stesso! :)

    RispondiElimina
  13. E' la luce negli occhi dei cani che li rende speciali, a prescindere dal loro aspetto fisico. Ci sono cani più speciali di altri. Io ricordo la prima cagnetta che ho trovato abbandonata. Molti mi dicevano che non era bellissima. In effetti era piccolina, con un colore indefinibile, le zampe storte e la coda a maialino. Ma lei era il più bel cane del mondo proprio per quella luce negli occhi che riservava a me e a nessun'altro.
    Ho avuto un altro cane in contemporanea con lei, poco prima che lei morisse. Una cucciola di dalmata fisicamente perfetta come solo i dalmata sanno essere. Talmente bella da essere assediata dai passanti nelle passeggiate, mentre nessuno dava uno sguardo al mio sgorbietto.. Mi sento un po' in colpa nei confronti del cane bello, ma per me non è mai stata comparabile alla mia Lilla. Lei aveva la luce di chi sa cosa ha guadagnato e quale sarebbe stato il suo destino se non ci fossimo incontrate in quel freddo giorno di inverno, e non ha mai mancato di dirmi grazie ogni giorno che ha vissuto su questo mondo.

    RispondiElimina
  14. povero tesoro..come si fa a fare cose simili..che gente che cè in giro..bastardi..

    RispondiElimina
  15. Una favola da raccontare ad ogni bambino prima di andare a letto, una foto per fargli vedere che le favole sono realtà e che ci sono tanti orchi nel mondo, ma anche tante fate... Grazie per essere quella parte bella di ciò che ci circonda e di cui nessuno parla. Grazie a Quasi perchè ci spinge a lottare e a non perdere mai la speranza che i miracoli possano accadere per tutti i nostri piccoli randagi!

    RispondiElimina
  16. non posso credere che ci sia gente cosi' cattiva da fare a un cane una cosa del genere! poverina! è dolcissima!

    RispondiElimina
  17. Ma chè, faceva esperimenti sto disgraziato? A guardare bene fa più pena lui con la sua anima coperta di catrame che Quasi che, ha sì sofferto tanto, ma ha saputo conservare la sua intatta.
    Dopo la dose di dolore che procura sempre il trovarsi di faccia alla parte oscura dell'umanità, consola ricordare che esiste anche gente come voi. Grazie di cuore. Rossana

    RispondiElimina
  18. che dolce che è Quasi!
    e che dire di voi... ce ne vorrebbero di persone così, il mondo sarebbe un posto migliore!

    RispondiElimina
  19. Ragazze complimenti, questa storia mi ha commossa, fatta arrabbiare e anche sorridere. GRAZIE A NOME DI TUTTI I VOLONTARI PER LA VOSTRA TENACIA...SIETE GRANDIIIIIIIIIIIIIIIIII....AH NON DIMENTICATE TANTI GRATTINI A QUASI DA PARTE MIA(vERUSKA) E LE MIE BAU cHICCA E gAIA ^_^

    RispondiElimina
  20. siete delle persone meravigliose

    RispondiElimina
  21. Non ho parole, siete delle persone speciali, perchè purtroppo in questo mondo tutti guardano solo l'aspetto esteriore.
    Un abbraccio forte a voi, a Quasi & co.

    RispondiElimina
  22. Un grazie di cuore per avere adottato Quasi, avevo visto il suo appello e lo avevo fatto girare dovunque, una creatura meravigliosa e dolce che aveva diritto ad un poco di felicita'. Auguro a voi ed alla vostra bellissima famiglia ogni bene, ed al maledetto bastardo che l'ha prima torturata e poi abbandonata auguro invece non solo lunga e penosa malattia, ma una vecchiaia solitaria e miserabile.

    RispondiElimina
  23. Quasi, come Quasimodo, se ci pensate la storia è più o meno simile, ma alla fine il mostro chi era "il gobbo" o la "società chiusa"?

    RispondiElimina
  24. "Quasi" è la prova che l'uomo, ed uso le minuscole perchè un tale essere non merita rispetto, è capace di azioni che farebbero vergognare il più meschino dei personaggi della mia fantasia! Come si può ridurre così una creatura vivente? Quasi, è di una bellezza incredibile, la bellezza data dalla sofferenza che ha patito e, nonostante tutto, è in grado di restituire Amore. Grazie per averci fatto conoscere questa storia ed un bacio al cane più bello e simpatico del web.

    RispondiElimina
  25. e chi è che l'ha fatta vivere in una gabbia per galline? si può sapere il nome?

    RispondiElimina
  26. Chi ha fatto questo meriterebbe lo stesso trattamento, nonostante tutto quel cucciolone ama la vita e speriamo che il futuro le dia solo gioie grazie

    RispondiElimina
  27. Quando ho visto la foto mi è scappato un "piccola!". Povera creatura quante ne ha passate! E sta bene? Voglio dire: le deformazioni che le hanno causato (esseri non di certo umani) non le creano dolori?
    Sono felicissima che abbia trovato una famiglia che la ama!

    RispondiElimina
  28. leggendo queste cose mi torna la voglia di amare gli esseri umani.
    Quasi ha una fortuna enorme e non lo sa.
    Ha trovato cio' che resta,in questa cinica umanita', dell'amore.
    Bravissimi e complimenti veramente.
    Una super coccola a Quasi !!!!

    RispondiElimina
  29. ...e molte teorie di classe dello sviluppo sociale, vedi il socialismo marxiano, sono radicate nella convizione che il "dominio dell'uomo sull'uomo" emerge dal bisogno di "dominare la natura"con il presumibile risultato che una volta soggiogata,l'umanità verrà purificata dalla "melma della Storia"....e questo il risult...ato?

    RispondiElimina
  30. è una storia bellissima...quasi quasi divento vostro sostenitore:D siete fantastici.

    RispondiElimina
  31. poverina...metterei a qugli stronzi in una gabbia per polli e vi assicuro che mi godrei la scena!gente del genere nn merita di esistere

    RispondiElimina
  32. Grande Quasi... e grandi voi per averla salvata...

    RispondiElimina
  33. ma Quasi è un bellissimo cane.. il suo musetto è troppo carino.. (:
    non capisco perchè la gente faccia queste stronzate con gli animali! che nervoso... >:O

    RispondiElimina