giovedì 17 giugno 2010

Freak Families: la storia di Gaia!

Pubblichiamo veramente con grandissima gioia la tenerissima testimonianza di Veronica, che è stata la mamma di Gaia, questa bimba speciale che vedete nelle foto. Esattamente come Mongo e Quasi, Gaia è stata un pò lo specchio dell'anima di chi l'ha incontrata: chi l'ha vista brutta, in fondo, era davvero una BRUTTA PERSONA. Chiediamo a questo punto a chi volesse diventare parte di questa Freak Family allargata, di inviarci la storia del suo amico speciale (storto, brutto, disabile, ma tanto amato) di mandarci la sua testimonianza a progettoquasi@gmail.com, pubblicheremo tutte queste meravigliose storie speciali e faremo conoscere queste anime stupende a chi si chiede "se ne valga davvero la pena". Noi pensiamo decisamente di sì. Ciao, Gaia!



"Questa è la storia di gaia è nata una mattina di s stefano del 2006 comincio dall'inizio,la sua mammagli presero le doglie il giorno di natale verso le 5 del pomeriggio io quella notte sarei dovuta andare a lavoro a mezzanotte, verso le 9 di sera ancora non aveva espulso il primo cucciolo allara dovetti cercare un veterinario di turno, ce la portai e gli fece un'iniezione di stimolanti poi altre due a distanza di 2 ore. era quasi mezzanotte e io a malincuore partii x il lavoro, ma non feci a tempo ad arrivare che mio marito mi chiamò che ne aveva partorito uno ma morto! un collega mi coprì il turno e io corsi a casa: il cucciolo non era morto e lo rianimai, nel frattempo ne feci nascere altri due , pensavo avesse finito perchè dall'eco che gli avevo fatto fare se ne vedevano 3 al massimo 4 quindi ripartii x il lavoro.La mattina alle 6 feci ritorno e trovai quel primo cucciolo morto perchè aveva sofferto, ma in compenso ne era nato un'altro. pensando che avesse finito mandai Asia a far pipì fuori e fece anche presto ma nel silenzio sentivo mugolare e non erano quelli nella cesta e non era neanche quello morto che andai a vedere x ben 2 volte, mi venne d'istinto di aprire la porta e chi trovai? Gaia! nata il tempo di una pisciata! lei si voleva far sentire che era li e aveva freddo la presi la scaldai e la misi alla puppa della mamma, poi ne vennero al mondo altri 2.Erano una gioia vederli crescere ma mi accorsi quasi subito che Gaia aveva dei problemi nonostante mangiasse e crescesse quando cominciarono a stare sulle gambe Gaia non trovava l'equilibrio e un veterinario mi consigliò di sopprimerla cosa che non ci pensai neanche, Gaia faceva come gli orsi la sua testina andava in qua e là ma con il tempo e crescendo il problema sparì ma quando cominciarono a spuntare i denti il musino cominciò a storcersi sempre più : le feci fare una lastra al cranio per vedere se si poteva rimediare ma il cranio era tutto storto e sinceramente lei stava bene mangiava e spaccava palline a me non fregava niente di far soffrire la canina x averla bella, lei era bellissima così. La tenni io e lei era tutta mia la portavo a giro fiera nonostante la meggior parte della gente la guardasse schifata se l'avevo in braccio e qualcuno gli feceva un complimento lei si vergognava proprio come fanno i bambini, era ubbidiente e dolce. un giorno trovò un gattina e se ne innamorò, dovetti adottarla erano inseparabili ma una sera la gattina venne schicciata e Gaia stava ore al cancello ad aspettarla mi stringeva il cuore allora cercai un'altra gattina e x fortuna l'accettò molto volentieri. Quello stesso anno Gaia vinse il primo premio del TITORADUNO x cani disabili x l'inusualità del caso. Gaia è stata una gioia nella mia vita: un'insufficenza renale me l'ha portata via la mattina di ferragosto dell'anno scorso: è nata in un giorno di festa ed è morta in un giorno di festa. la notte verso le 3 mi sono alzata e sono andata da lei mi ha guardato mi ha scodinzolato e io le ho detto DAI AMORE CHE CE LA FAI non sapevo che sarebbe stato un saluto... la mattina la trovai morta con la testolina sulla pancia della sua mamma e questa è l'unica mia consolazione che almeno non è morta sola."

5 commenti:

  1. Che dolce la piccola Gaia, ora sono sicura che sia insieme al suo fratellino e alla sua amica gatta a rincorrere palline e mangiare croccantini...
    perchè se c'è un paradiso, allora di sicuro sarà per gli animali :*

    RispondiElimina
  2. le cose belle non muoiono mai, ciao Gaia e grazie per questa storia

    RispondiElimina
  3. povera picci,sono contenta che sia stata tanto amata <3

    RispondiElimina
  4. Amore!Non ho parole......:(( <3

    RispondiElimina